ODONTOVETROMA.IT
odontostomatologia veterinaria

Ho voluto presentare una sottorubrica distinta per i tumori orali felini,perchè, nella mia esperienza ,
in queste specie i tumori orali hanno un decorso biologico diverso rispetto a quello dei tumori orali canini.
La lesione più frequentemente riscontrata nei gatti è il carcinoma squamocellulare.
Ai nostri giorni ,vista la diffusione di patologie infiammatorie del cavo orale dei gatti ,sostenute dalla diffusione di malattie virali croniche tipiche della specie(FIV-FCV-FELV-FHV),
non meraviglia osservare la estrema diffusione del carcinoma a cellule squamose (SCC)in quanto esistente il fattore predisponente infiammatorio e/o immunodepressivo.
Qui di seguito verranno presentate alcune lesioni neoplastiche feline diagnosticate dal dr.G.Danzi.

Il carcinoma a cellule squamose



Carcinoma squamocellulare del palato in un gatto
Il carcinoma squamocellulare rappresenta circa il 70% dei tumori orali del gatto.
Esso può comparire sia l ridosso della gengiva che in prossimità di labbra, lingua, mucose orali ,palato duro e palato mobile.
Esso è localmente invasivo e tende a coinvolgere l’osso nei due terzi dei casi diagnosticati, l’invasione dei linfonodi si verifica precocemente.
L’immagine rappresenta un caso con coinvolgimento palatale e dei seni paranasali,
In questo tipo di lesione la chirurgia è possibile ma risulta palliativa della lesione ed andrebbe associata ad altre terapie (terapia multimodale)



Carcinoma squamocellulare in posizione sublinguale con coivolgimento delle due mandibole in fase avanzata di malattia



Carcinoma squamocellulare della lingua


La sede sublinguale è frequentemente colpita da questo tipo di lesione neoplastica.
La posizione delle lesioni in cavità orale, influenza notevolmente la prognosi.
In molti casi non è possibile un trattamento chirurgico radicale e curativo .



Carcinoma squamocellulare della guancia


Quando sono colpiti solamente i tessuti molli è più praticabile l’intervento curativo trasponendo lembi mucosi o di cute a chiudere il difetto che si ha dopo la escissione completa della massa.



carcinoma squamocellulare del planum nasale


La localizzazione nasale è frequente nei gatti poco pigmentati.
Il fattore predisponente è quello attinico associato ad altri fattori (malattia multifattoriale)
La chemioterapia locale ,la chirurgia, la terapia fotosensibilizzante,
permettono un controllo della lesione nel tempo e in alcuni casi una guarigione completa.


Altre lesioni neoplastiche orali dei gatti


Altre lesioni neoplastiche si riscontrano nel gatto anche se molto più raramente rispetto al carcinoma squamocellulare,
I sarcomi in generale ed il fibrosarcoma in particolare si riscontrano nel cavo orale dei gatto invadendo i tessuti duri.



Osteosarcoma coinvolgente il palato duro


lesioni come questa interessano strutture anatomicamente complesse .
La localizzazione della lesione influenza la prognosi in maniera molto significativa.
Inoltre la stadiazione della lesione permette di emettere una prognosi che varia dai 3 mesi di sopravvivenza, con intervento palliativo ,
nelle lesioni ad alto grado di malignità ,
ai 2 anni in lesioni a basso grado di malignità diagnosticate precocemente.

Felini

Lesioni neoplastiche orali e maxillofacciali dei felini

Incidenza delle malattie virali croniche
giovedì 28 settembre 2006.